A San Gregorio d’Ippona fiorisce il Giardino delle matite colorate

Le panchine installate nella Villa Comunale sono state realizzate dai ragazzi migranti ospiti delle strutture gestite da Cooperativa Futura

Hanno un grande valore simbolico gli arredi in legno dai toni accesi e vivaci che sono stati installati nella Villa Comunale di S. Gregorio D’Ippona. L’inaugurazione lo scorso 30 aprile, alla presenza del Sindaco Pasquale Farfaglia, del Presidente di Futura, Carmelo Disì, del coordinatore Giuseppe Cosmano, dei parroci e dei rappresentanti locali della Protezione Civile, ha rappresentato l’atto conclusivo dell’attività laboratoriale del SAI di San Gregorio d’ Ippona e della Comunità Alloggio per minori di Jonadi, gestiti dalla Cooperativa Futura.
Un progetto unico che sprigiona luce e armonia: la storia di ragazzi migranti, ospiti di strutture di accoglienza, che con il calore dei propri sorrisi e la forza dei propri sogni hanno trasformato vecchie travi di legno in panche dai vivaci colori, simili a matite pronte a tracciare nuovi percorsi di inclusione e speranza.

Questi giovani migranti hanno trovato nell’atto creativo un modo per esprimere gratitudine verso la comunità che li ha accolti.  Con abilità e passione hanno lavorato il legno, trasformando pezzi senza vita in sedute accoglienti e allegre, destinate a diventare punti di incontro e di condivisione nel tessuto urbano.

Questi giovani migranti hanno trovato nell’atto creativo un modo per esprimere gratitudine verso la comunità che li ha accolti.  Con abilità e passione hanno lavorato il legno, trasformando pezzi senza vita in sedute accoglienti e allegre, destinate a diventare punti di incontro e di condivisione nel tessuto urbano.

Le travi delineano le aree attrezzate già esistenti dentro la Villa come quella fitness, il campo da bocce e calcetto, offrendo al visitatore l’impressione di trovarsi immersi in un giardino fatto di grosse matite colorate. Da qui l’idea condivisa con il primo cittadino di collocare una targa “Giardino delle matite Colorate” che ne identifichi l’area e che lanci un messaggio di integrazione, quello di pitturare ogni giorno della nostra vita come un arcobaleno, in cui ogni colore è fondamentale per creare un’unica bellezza.

Le panche diventano più di semplici arredi urbani: sono testimoni silenziosi di un incontro di culture e di unione, di bambini che giocano e ridono insieme, indipendentemente dalle loro origini. Sono testimoni di una storia di resilienza, di speranza e di amore. Sono il segno tangibile che, quando ci impegniamo a costruire un mondo migliore, nessuno è escluso e tutti possono trovare un posto accogliente sotto il sole.

Alla giornata inaugurale hanno partecipato gli alunni dell’Istituto Comprensivo De Amicis di S. Gregorio D’Ippona che hanno esposto cartelloni sull’integrazione e animato l’evento con giochi di intrattenimento.

© Riproduzione riservata

Ti Potrebbe Interessare

Interrogatorio di garanzia oggi per i principali indagati nell’inchiesta sulla gestione del Polo culturale
I candidati a sindaco aderiscono e sono pronti a nominare anche un assessore alla partecipazione alla co-governance
In programma un nuovo binario di collegamento diretto tra le linee Metaponto-Reggio Calabria e Cosenza-Sibari

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Vibo Valentia n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019. Direttore Responsabile: Nicola Lopreiato
Noi di Calabria S.r.L. | P.Iva 03674010792