Abusivismo e demolizioni, si procede ma la macchina ha il freno a mano tirato

A Cassano l'amministrazione comunale ha annunciato di avere avviato le operazioni per abbattere l'immobile di un ex boss della Sibaritide

Si demolisce ma sempre con estrema difficoltà. La debolezza dei Comuni è palpabile. Ed è anche questo il motivo per cui quando le ruspe arrivano la notizia assume un certo clamore. Invece dovrebbe essere la regola. Ma motivi di opportunità e motivi spesso politici spingono molti amministratori a fare finta di nulla, a mettere da parte. In questi giorni  i riflettori sono puntati su due palazzine, a suo tempo confiscate all’ex boss della Sibaritide e del Pollino, Giuseppe Cirillo. Qui nasceranno ben 18 appartamenti di edilizia sociale che una volta realizzati saranno assegnati alle famiglie bisognose.

Sono partiti nei giorni scorsi, infatti, i lavori di demolizione e di ricostruzione (perché è stato verificato che il cemento utilizzato per costruirle era di pessima qualità) delle due ultime palazzine, ubicate a Sibari, a suo tempo confiscate all’ex boss che diede vita al “locale di Sibari”, Giuseppe Cirillo, e a acquisite al patrimonio del comune di Cassano. Cirillo, boss campano della Nco, arrivò a Sibari nella seconda metà degli anni ’70 e per più di un decennio dettò legge sull’intero comprensorio.

Sono partiti nei giorni scorsi, infatti, i lavori di demolizione e di ricostruzione (perché è stato verificato che il cemento utilizzato per costruirle era di pessima qualità) delle due ultime palazzine, ubicate a Sibari, a suo tempo confiscate all’ex boss che diede vita al “locale di Sibari”, Giuseppe Cirillo, e a acquisite al patrimonio del comune di Cassano. Cirillo, boss campano della Nco, arrivò a Sibari nella seconda metà degli anni ’70 e per più di un decennio dettò legge sull’intero comprensorio.

E per tornare alla scarsa volontà delle amministrazioni comunali di procedere alle demolizioni basta soffermarsi per un istante a quanto avviene a Vibo. Il sindaco ha detto che ci sono decine di pratiche pronte per essere evase, ovvero demolite, perché i fondi ci sono. Ma, purtroppo, le ruspe non partono. Probabilmente si aspetta la ormai imminente campagna elettorale.

© Riproduzione riservata

Ti Potrebbe Interessare

Interrogatorio di garanzia oggi per i principali indagati nell’inchiesta sulla gestione del Polo culturale
I candidati a sindaco aderiscono e sono pronti a nominare anche un assessore alla partecipazione alla co-governance
In programma un nuovo binario di collegamento diretto tra le linee Metaponto-Reggio Calabria e Cosenza-Sibari

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Vibo Valentia n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019. Direttore Responsabile: Nicola Lopreiato
Noi di Calabria S.r.L. | P.Iva 03674010792