Leoluca Lo Bianco, il Questore vieta i funerali pubblici: motivi di ordine pubblico

Ritenuto dagli inquirenti un esponente di primo piano dell'omonimo clan operante in città. Condannato a 12 anni nel maxiprocesso Rinascita scott

Era una vecchia conoscenza degli inquirenti vibonesi e non solo. Leoluca Lo Bianco, 65 anni, negli ambienti malavitosi conosciuto come “U Rozzu” è deceduto ma per lui il questore Rodolfo Ruperti ha vietato i funerali pubblici. Una decisione motivata per problemi di sicurezza e di ordine pubblico. Leoluca Lo Bianco, sulla scorta delle indagini condotte dalla Dda di Catanzaro, era considerato un esponente di spicco dell’omonimo clan che per decenni ha dominato in città. Nel maxiprocesso Rinascita Scott era stato condannato a 12 anni di reclusione per associazione mafiosa. Lo stesso era stato coinvolto anche in precedenti operazioni antimafia.

© Riproduzione riservata

Ti Potrebbe Interessare

L’incontro, organizzato dalla presidente Ketty De Luca, patrocinato da Camera di commercio e Confindustria Vibo ha visto alternarsi imprenditori e docenti universitari
L’operazione portata a termine dai carabinieri del Ros ha colpito in particolare il “locale di Ariola”
Sotto tiro sono finiti esponenti delle cosche operanti nel territorio delle Preserre e nei comuni di Acquaro, Gerocarne, Soriano e Dasà

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Vibo Valentia n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019. Direttore Responsabile: Nicola Lopreiato
Noi di Calabria S.r.L. | P.Iva 03674010792