Maestrale-Imperium-Olimpo: processo abbreviato e termini di custodia cautelare sospesi

Novantuno gli imputati che saranno processati dal gup nell'aula bunker di Lamezia. Il giudice ha subito provveduto a calendarizzare le udienze

E’ iniziato oggi davanti al gup distrettuale di Catanzaro, Paolo Agosteo, nell’aula bunker di Lamezia Terme, il primo filone del procedimento penale scaturito dalle operazioni antimafia denominate Maestrale-Olimpo-Imperium. Sul banco degli imputati le 91 persone che hanno chiesto di essere giudicati con il rito abbreviato. Nell’elenco spiccano, tra gli altri, i nomi degli avvocati Francesco Sabatino e Giacomo Franzoni; dell’ex presidente della Provincia di Vibo, già sindaco di Briatico Andrea Niglia; degli imprenditori Vincenzo Calafati e Antonio Facciolo e dei presunti boss Antonino Accorinti di Briatico e Salvatore Morelli di Vibo. Abbreviato anche per tre nuovi collaboratori di giustizia: Antonio Accorinti, detto Fraguleja di Briatico, Onofrio Barbieri di Sant’Onofrio e Pasquale Alessandro Megna di Nicotera Marina.

Udienze programmate

Udienze programmate

Subito botta e risposta tra accusa e difesa nel corso di un’udienza che è durata poco meno di due ore. I pm della Direzione distrettuale antimafia presenti in aula (Antonio Di Bernardo e Andrea Buzzelli) hanno chiesto la sospensione dei termini di custodia cautelare stante la complessità del giudizio abbreviato. Le difese si sono opposte ma il giudice ha accordato la richiesta avanzata dalla pubblica accusa per poi calendarizzare le prossime udienze e l’ordine dei lavori che si terranno sempre nell’aula bunker ubicata nella zona industriale di Lamezia Terme. Cinque le udienze chieste dai pm e si ricomincerà proprio dalla lunga requisitoria programmata dalla Dda di Catanzaro e fissata per il 22, il 25, il 27 marzo, il 3 e il 5 aprile quando verosimilmente verranno formulate le richieste. A seguire toccherà alle parti civili e, successivamente, a partire dalla settimana dopo, al collegio difensivo che si alternerà tra i banchi dell’aula bunker per altre sette udienze riservate alla difesa esclusiva degli imputati. Complessivamente sono 13 le udienze fissate prima che il gup si ritiri in camera di consiglio per la sentenza attesa tra maggio e giugno.

I nomi dei 91 imputati

Sono novantuno gli imputati ammessi al rito abbreviato e sotto processo davanti al gup distrettuale di Catanzaro Paolo Agosteo. Questa la lista degli imputati che hanno chiesto di essere giudicati con il rito alternativo: Antonino Accorinti, detto “Nino” di Briatico; Antonio Accorinti, detto “Fraguleia” di Briatico; Pasquale Anastasi di Rizziconi; Rocco e Tommaso Anello di Filadelfia; Maria Eugenia Grazia Arcuri di Nicotera; Luciano Marino Artusa di Filandari; Concetta Ascone di Limbadi; Rocco Ascone di Limbadi; Vincenzo Barba di Vibo; Onofrio Barbieri di Sant’Onofrio; Domenico Bartone di Mileto; Sabrina Benincasa di Lamezia Terme; Domenico Bevilacqua di Melito Porto Salvo; Antonio Bonaccurso di Briatico; Michele Bruzzese di Briatico; Vincenzo Calafati di Vibo e  Paolo Careglio di Briatico.

Insieme a loro anche Alessio Cupitò di Nicotera; Domenico Cupitò di Nicotera; Francesco Cupitò di Nicotera; Simone Cupitò di Nicotera; Vincenzo Corso di Mileto; Elisabetta Di Capua di Cinquefrondi; Maria Vittoria Errigo di Vibo; Antonio Facciolo di Francavilla Angitola; Giuseppe Ferraro di Brattirò; Claudio Fiumara di Francavilla Angitola; Antonino Fogliaro, alias “Tonino u Rijkaard” di Mileto; Giacomo Franzoni di Briatico; Michele Galati di Mileto; Salvatore Domenico Galati di Vibo; Ottavio Galati di Mileto; Gianluca Guerino di Reggio Calabria; Massimo Guerino di Gioia Tauro; Carmine Il Grande di Parghelia; Giovanni Izzo di Sant’Agata de Goti (Benevento); Maria Antonella Lamberti Prestia di Spilinga; Gianfranco La Torre di Ricadi; Fernando Lamonica di Catanzaro; Antonio La Rosa di Tropea e Francesco La Rosa di Tropea.

Altri imputati Paolino Lo Bianco di Vibo; Alfonso Luciano di Filogaso; Gisella Macchiavelli di Vibo Valentia; Antonio Mancuso di Limbadi; Diego Mancuso di Limbadi; Domenico Mancuso di Limbadi; Francesco Mancuso, alias Bandera, di Nicotera Marina; Giuseppe Mangone di Mileto; Andrea Mantella di Vibo; Nicola Marasco di Limbadi; William Mc Manus di Catania; Assunto Natale Megna di Nicotera Marina; Giuseppe Daniele Megna di Nicotera Marina; Pasquale Alessandro Megna di Nicotera; Sandro Melluso di Briatico; Paolo Mercurio di Marcellinara; Gaetano Molino di Limbadi; Salvatore Morelli, alias “L’Americano” di Vibo; Andrea Niglia di Briatico; Gregorio Niglia, detto “Lollo” di Briatico; Laurentiu Gheorghe Nicolae di Limbadi; Francesco Orecchio di San Calogero; Salvatore Palmieri di Mileto; Salvatore Pandullo di Seregno; Alberto Pannace di Vibo Valentia; Domenico Salvatore Polito di Tropea; Domenico Polito, alias “Ciota” di Mileto e Fortunato Pontoriero di San Calogero

Processo con rito abbreviato anche per Giuseppe Preiti, detto Pino, di San Calogero; Nicola Preiti, detto Cola, di San Calogero; Antonio Prenesti, detto “Totò” di Nicotera; Giuseppe Prostamo (classe 1989) di San Giovanni di Mileto; Giuseppe Prostamo (classe 1985) di San Giovanni di Mileto; Francesco Prostamo (classe 1985) di Mileto; Nazzareno Prostamo, alias “Buttafuoco” di San Giovanni di Mileto; Demetrio Putortì di Nicotera Marina; Giuseppe Raguseo di Nicotera; Umberto Pugliese di Tropea; Francesco Rombolà, alias “Franco U Pala” di Mileto; Francesco Sabatino di Vibo Valentia; Diego Surace di Spilinga; Davide Surace di Spilinga; Antonino Tripaldi di Vibo; Rocco Angelo Tritto di Gioia del Colle (Bari); Vincenzo Valentini di Rosarno; Daniele Vatano, alia “U Cicù” di Briatico; Antonio Massimiliano Varone di Mileto.

Gli avvocati della difesa

Nel collegio difensivo sono impegnati, tra gli altri, gli avvocati Salvatore Staiano, Stefano Nimpo; Tiziana Barillaro, Paride Scinica, Walter Franzè, Giovanni Marafioti, Francesco Muzzopappa, Giuseppe Mussari, Elisabetta Solano, Giuseppe Artusa, Giovanni Vecchio, Sergio Rotundo, Giacomo Saccomanno, Giuseppe Di Renzo, Tommaso Zavaglia, Antonio Porcelli, Vincenzo Maiolo Staiano, Michele Accorinti, Giosuè Monardo, Vincenzo Gennaro, Giuseppe Bagnato, Diego Brancia, Michelangelo Miceli, Giuseppe Monteleone, Vincenzo Joppoli, Massimiliano Riga, Vincenzo Trungadi, Rocco Domenico Ceravolo, Antonino Crudo, Giuseppe Grande, Angelo Spasari, Giuseppe Spinelli, Guido Contestabile, Pietro Chiodo, Francesco Gambardella, Francesco Schimio, Francesco Capria, Michele Gigliotti, Luca Cianferoni, Francesco Calabrese, Luigi La Scala, Caterina De Luca, Giuseppe Nicola Altieri, Antonio Caruso, Patrizio Cuppari, Sandro D’Agostino, Salvatore Pronestì, Salvatore Sorbilli, Leopoldo Marchese, Giuseppe Orecchio, Wanda Bitonte, Dario Gareri, Francesco Lione, Luigi Li Gotti, Vincenzo Pasqua, Ilario Cosimo Tripodi.

© Riproduzione riservata

Ti Potrebbe Interessare

Avrà sede nei locali della guardia medica di Brattirò di Drapia. La struttura è stata inaugurata oggi alla presenza di autorità politiche e responsabili dell’Asp
Il sindaco Vincenzo Pellegrino: non abbiamo ancora certezze sulla natura dell’incendio, ma gli indizi ci fanno pensare che si tratti di un atto doloso
Il sindacato mette in primo piano la piattaforma rivendicativa e chiede un’adeguata rete ospedaliera e investimenti sul personale: assunzioni e formazione

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Vibo Valentia n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019. Direttore Responsabile: Nicola Lopreiato
Noi di Calabria S.r.L. | P.Iva 03674010792