Elezioni a Vibo, un voto per ribellarsi dalle clientele e dal sistema di potere che governa la città (video)

Malaffare e cerchi magici condizionano pesantemente sanità e pubblica amministrazione

Siamo nella fase finale della campagna elettorale.  Il candidato del centrosinistra, Enzo Romeo, ha gettato un masso nello stagno affermando: non accetterò i voti della mafia. Invitando anche i suoi diretti concorrenti a prendere una posizione ferma in tal senso.

Ma l’8 e il 9 giugno non si vota solo per scegliere tra destra e sinistra ma per ribellarsi al sistema clientelare che governa questo territorio, per riballarsi al sistema di potere, ai comitati d’affari e alla falsa borghesia che con i suoi comportamenti ha spesso coperto il malaffare.

Ma l’8 e il 9 giugno non si vota solo per scegliere tra destra e sinistra ma per ribellarsi al sistema clientelare che governa questo territorio, per riballarsi al sistema di potere, ai comitati d’affari e alla falsa borghesia che con i suoi comportamenti ha spesso coperto il malaffare.

© Riproduzione riservata

Ti Potrebbe Interessare

L’incontro, organizzato dalla presidente Ketty De Luca, patrocinato da Camera di commercio e Confindustria Vibo ha visto alternarsi imprenditori e docenti universitari
L’operazione portata a termine dai carabinieri del Ros ha colpito in particolare il “locale di Ariola”
Sotto tiro sono finiti esponenti delle cosche operanti nel territorio delle Preserre e nei comuni di Acquaro, Gerocarne, Soriano e Dasà

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Vibo Valentia n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019. Direttore Responsabile: Nicola Lopreiato
Noi di Calabria S.r.L. | P.Iva 03674010792