Sant’Onofrio, il progetto del nuovo campo sportivo ai nastri di partenza

Comune e Asd Sant'Onofrio insieme per dare più forza allo sport. La presentazione alla presenza delle autorità regionali della Figc

Sant’Onofrio avrà il nuovo stadio. Il progetto, realizzato dallo studio tecnico degli architetti Dileo, è stato proposto dalla Asd Sant’Onofrio, che ha aderito al bando nazionale denominato “Sport e Periferie 2020”. Il progetto ha ottenuto il beneplacito del Dipartimento dello sport che lo ha finanziato con un importo di 700 mila euro euro. I lavori ormai ai nastri di partenza, con le procedure di gara già avviate dagli uffici comunali, porteranno lo Stadio Rizzo a diventare fiore all’occhiello della Provincia vibonese: il manto in erba artificiale di nuova generazione è ormai cosa fatta. Venerdì scorso la presentazione del progetto: al tavolo della presidenza erano seduti in tre: il sindaco Antonino Pezzo, il presedente della Asd Sant’Onofrio Franco Ciancio e il progettista Francesco Dileo.

 L’iniziativa – organizzata congiuntamente dal Comune e dall’Associazione sportiva – è stata notevoltemnte apprezzata è sancita dalla presenza delle più alte cariche sportive: la delegata provinciale del Cip Elisabetta Carioti, il consigliere regionale FIgc Enzo Insardà, il delegato provinciale FIgc Roberto Natale, unitamente al segretario Giuseppe Restuccia e ai componenti Carlo Lico, Onofrio Fusca e Salvatore Mangone. Erano presenti, inoltre, il presidente provinciale degli allenatori Vincenzo Bruni e il presidente provinciale della Associazione Medico Sportiva dilettantistica Francesco Bilotta, accompagnato dai consiglieri Domenico Dinatolo e Pasquale Sottilotta.

 L’iniziativa – organizzata congiuntamente dal Comune e dall’Associazione sportiva – è stata notevoltemnte apprezzata è sancita dalla presenza delle più alte cariche sportive: la delegata provinciale del Cip Elisabetta Carioti, il consigliere regionale FIgc Enzo Insardà, il delegato provinciale FIgc Roberto Natale, unitamente al segretario Giuseppe Restuccia e ai componenti Carlo Lico, Onofrio Fusca e Salvatore Mangone. Erano presenti, inoltre, il presidente provinciale degli allenatori Vincenzo Bruni e il presidente provinciale della Associazione Medico Sportiva dilettantistica Francesco Bilotta, accompagnato dai consiglieri Domenico Dinatolo e Pasquale Sottilotta.

 Sono stati portati i saluti del presidente regionale Figc Saverio Mirarchi, del Responsabile regionale di Sport e Salute Walter Malacrino e dal componente nazionale della Commissione impianti sportivi in erba artificiale della FIgc-Lnd Antonio Santaguida. Il sindaco nel suo caloroso saluto, si è dichiarato orgoglioso di poter a breve tagliare il nastro ad un impianto sportivo così importante, che diverrà certamente tra i migliori e più ricercati dell’intero hinterland vibonese e non solo. Ha poi elogiato la qualità progettuale del lavoro del collega Dileo, sottolineando la qualità professionale del lavoro, essendo anche e, soprattutto, architetto di lungo corso ed esperto in impiantistica sportiva.

Il sindaco nella qualità di proprietario dello stadio comunale ha sottolineato come l’importante progetto del manto erboso in corso di presentazione porterà lo stadio Rizzo ad essere uno degli Stadi fiore all’occhiello di tutta la provincia vibonese, rimarcando che la collaborazione istituita con l’Asd Sant’Onofrio ha già portato alcuni frutti e che a breve il nuovo stadio diventerà realtà. L’intervento del Presidente della Asd Sant’Onofrio ha ricordato che l’impianto sportivo di Sant’Onofrio si presentava ormai logorato dal tempo e meritava di essere ammodernato, dopo oltre trenta anni dagli ultimi interventi.

La Asd Sant’Onofrio entra in gioco nel 2018 e da subito diventa pungolo per l’Ente locale. Dopo pochi anni dalla nuova gestione, lo stadio è stato rimesso a nuovo ed è nella piena disponibilità di tutti i cittadini. La Asd ha iniziato prima con piccoli interventi di manutenzione ordinari, per seguire con lavori di manutenzione straordinaria sempre più importanti, a partire dalla messa in sicurezza, a finire oggi con il progetto per l’installazione del manto in erba, del drenaggio e dell’irrigazione. Gli spogliatoi sono stati già messi a nuovo in parte a carico della Società sportiva e senza costi per le casse del comune.

La società ha poi intercettato una serie di specifici finanziamenti pubblici, che negli ultimi anni hanno permesso di mettere a nuovo alcune importanti strutture: messi a nuovo gli spogliatoi, realizzati i locali medici, la biglietteria, la segreteria e la lavanderia; è stata abbattuta ogni barriera architettonica, rimessi a nuovo i locali e gli impianti, installati sulle torri faro moderni proiettori a led; sono oi stati demoliti i muri di recinzione e le strutture a bordo campo ormai fatiscenti e insicuri; sono stati realizzati alcuni depositi attrezzi a bordo campo, regolarizzata la dimensione del rettangolo di giuoco per l’uso di categorie superiori, sono state previste la rete ferma palloni e le nuove panchine per atleti e arbitri.

Oggi, dopo tutto questo, sarà installato il manto in erba, che sarà la ciliegina sulla torta. La sinergia tra la gestione dell’impianto sportivo da parte della Asd Sant’Onofrio e il Comune ha portato fin’ora buoni frutti. Tanti altri dovranno ancora essere raccolti e ancora altri potrebbero essere programmati, fino a completare il sogno che piano piano si sta realizzando. A concludere i lavori, la relazione magistrale dell’Arch. Francesco Dileo: i presenti sono rimasti incantati dalle immagini che hanno offerto la visione dettagliata e reale del progetto e dei lavori in fase di realizzazione. L’Arch. Dileo ha poi concluso, deliziando il pubblico con la visione di una animazione che ha rappresentato quel sogno di ogni cittadino santonofrese e che piano piano sta diventando finalmente realtà.

© Riproduzione riservata

Ti Potrebbe Interessare

Avrà sede nei locali della guardia medica di Brattirò di Drapia. La struttura è stata inaugurata oggi alla presenza di autorità politiche e responsabili dell’Asp
Il sindaco Vincenzo Pellegrino: non abbiamo ancora certezze sulla natura dell’incendio, ma gli indizi ci fanno pensare che si tratti di un atto doloso
Il sindacato mette in primo piano la piattaforma rivendicativa e chiede un’adeguata rete ospedaliera e investimenti sul personale: assunzioni e formazione

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Vibo Valentia n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019. Direttore Responsabile: Nicola Lopreiato
Noi di Calabria S.r.L. | P.Iva 03674010792