Sistema Bibliotecario Vibonese, gestione dei bilanci senza alcun controllo

Il revisore dei conti nominato solamente nel marzo 2023 ma non ha mai ricevuto la documentazione richiesta per la valutazione delle manovre finanziarie

Sotto i riflettori della Guardia di Finanza e della Procura della Repubblica di Vibo Valentia, sono finite in particolare le determine prodotte dall’ex direttore amministrativo del Sistema Bibliotecario Vibonese, Valentina Amaddeo. Dal 2015 al 2022 sono state passati al vaglio 33 atti ritenuti del tutto illegittimi dagli organi inquirenti; utili solo per disporre mandati di pagamento dalle casse del Sistema Bibliotecario Vibonese sui conti correnti della stessa Amaddeo, di Gilberto Floriani, ex direttore del Sbv (finiti entrambi agli arresti domiciliari), e dei suoi tre figli che sono indagati nell’inchiesta a piede libero. A tutti i soggetti in causa è stato contestato i reato di peculato in concorso.

Manovre contabili sbrigative

Manovre contabili sbrigative

Sulla scorta di quanto emerge, il magistrato titolare dell’inchiesta, Filomena Aliberti, ha annotato che il Comitato-Collegio dei sindaci ha proceduto, negli anni, ad approvare una sorta di “bilancio preventivo” e “bilancio consuntivo” che, però, non sono stati sottoposti al vaglio di un apposito revisore dei conti, poiché tale figura non è mai stata individuata né nominata. Tantomeno, aggiunge ancora il magistrato, è stato nominato un organo di controllo che presidiasse l’osservanza delle leggi, dello statuto, l’adeguatezza dell’assetto organizzativo, amministrativo e contabile, oltre che il suo concreto funzionamento.

Inoltre viene evidenziato in atti che per gli anni analizzati dal 2015 al 2022 si è riscontrato che, anche per i documenti approvati con delibera (ma senza revisione dall’apposito organo) c’è è stata una esposizione poco chiara e non rispondente alla realtà delle voci di bilancio relative ai crediti e ai debiti.
Da qui la deduzione che la mancata osservanza di quanto normativamente previsto in materia ha portato a consistenti esposizioni e a debiti “fuori bilancio” che si son o via via accumulati e alla rappresentazione di “crediti” non verificabili e addirittura non esigibili. Non è sfuggito agli organi inquirenti che <i bilanci preventivi e consuntivi venivano approvati perlopiù nella stessa data e con modalità discutibili e che ad esempio il bilancio preventivo riferibile a un anno veniva approvato nel corso o addirittura alla fine dell’anno stesso e non entro la fine dell’anno precedente>.

Il disco verde in assemblea

Secondo quanto evidenziato, tutti i dati riportati nei bilanci “approvati” dal comitato di gestione-assemblea dei sindaci non sono corrispondenti al vero, anche in considerazione del fatto che non sono stati rinvenuti e consegnati prospetti, note integrative e relazioni dei Revisori dei Conti (mai incaricati).

Il primo revisore contabile è stato nominato il 10 marzo 2023. Il professionista il 31 dello stesso mese avrebbe chiesto al Sbv la consegna della documentazione da lui ritenuta utile ai fini dell’espeltamento dell’incarico. Sentito dagli organi inquirenti lo stesso revisore contabile ha dichiarato che la documentazione da lui richiesta non è stata consegnata dal Sistema evidenziando allo stesso modo alcune delle criticità riscontratate nell’adempimento del proprio mandato. Gli indagati attualmente ai domiciliari potrebbero comparire tra domani e venerdì davanti al gip per la convalida del provvedimento cautelare.

© Riproduzione riservata

Ti Potrebbe Interessare

L’incontro, organizzato dalla presidente Ketty De Luca, patrocinato da Camera di commercio e Confindustria Vibo ha visto alternarsi imprenditori e docenti universitari
L’operazione portata a termine dai carabinieri del Ros ha colpito in particolare il “locale di Ariola”
Sotto tiro sono finiti esponenti delle cosche operanti nel territorio delle Preserre e nei comuni di Acquaro, Gerocarne, Soriano e Dasà

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Vibo Valentia n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019. Direttore Responsabile: Nicola Lopreiato
Noi di Calabria S.r.L. | P.Iva 03674010792