Spiritualità bizantina e monachesimo, testimonianza di padre Alessio Mandanikiotis

L'incontro in programma lunedì 10 giugno alle 20,30 a Cessaniti sul sagrato della chiesa di San Basilio

In Calabria c’è una importante tradizione bizantina di santi cristiani che non è conosciuta. La maggior parte appartiene alla spiritualità del monachesimo ascetico eremitico o cenobitico. Le loro figure esemplari e il messaggio religioso rivive in diverse comunità che si richiamano al rito greco-ortodosso diffuse nell’area della Magna Grecia, in particolare in Calabria, in Sicilia e in Puglia.
Lunedì 10, alle ore 20.30, a Cessaniti (sagrato della chiesa di San Basilio) ci sarà un importante evento culturale che si occuperà del fenomeno del monachesimo dal titolo “I santi calabresi del monachesimo”. L’iniziativa rientra nell’ambito dei festeggiamenti in onore di San Basilio Magno (che culmineranno il 14 giugno). L’incontro sarà caratterizzato dalla straordinaria testimonianza del padre archimandrita Alessio Mandanikiotis, considerato “l’ultimo eremita”. Padre Alessio ha costruito pietra su pietra il tempio della Candelora, sui monti di Santa Lucia del Mela in provincia di Messina, ed è il primo archimandrita messinese incaricato di occuparsi della comunità greco-ortodossa del territorio, dopo che il terremoto del 1908 ha distrutto ogni traccia di grecità sul territorio.

Padre Alessio Mandanikiotis
Padre Alessio Mandanikiotis


Ad accompagnare il monaco eremita, il giovane padre Benedetto Colucci, abate del Monastero Ortodosso dei Santi Elia e Filarete in Seminara (Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli), originario di Lecce, che da qualche anno si trova a Seminara a guidare le comunità greco-ortodosse reggine. Da sottolineare che in provincia di Reggio due sono i monasteri ortodossi riconosciuti, quello dei Santi Elia e Filarete di Seminara e quello San Giovanni Therestis, sul territorio di Bivongi.
Ad introdurre l’incontro il parroco don Francesco Pontoriero (parrocchia di Cessaniti). Interverrà anche lo scrittore Santo Gioffrè, artefice della costruzione del Monastero di Seminara, appassionato conoscitore del mondo culturale bizantino e della spiritualità orientale come si evince nel suo romanzo “Fadia”. A coordinare gli interventi Nicola Rombolà (docente e giornalista).
Il percorso culturale di riscoperta della spiritualità legata al monachesimo italogreco, in particolare ispirato alla figura San Basilio Magno (329 – 379, vescovo e teologo venerato in tutte le chiese cristiane, considerato dottore della Chiesa, artefice della cosiddetta regola che ancora ispira i monaci basiliani), è iniziato lo scorso anno (9 giugno 2023) su impulso di don Francesco Pontoriero, con un convegno improntato proprio sulla figura di San Basilio Magno e sulla presenza dei basiliani nel territorio del Vibonese.
Per comprendere il forte carisma di San Basilio Magno, si cita un passo tratto dal noto “Discorso ai giovani” che mette in luce la vocazione di San Basilio per i libri e la sua particolare attenzione verso i giovani che esorta allo studio per nutrire lo “spirito” ispirato all’insegnamento delle api:
«Come le api sanno trarre dai fiori il miele, a differenza degli altri animali che si limitano al godimento del profumo e del colore dei fiori, così anche da questi scritti … si può ricavare qualche giovamento per lo spirito. Dobbiamo utilizzare quei libri seguendo in tutto l’esempio delle api. Esse non vanno indistintamente su tutti i fiori, e neppure cercano di portar via tutto da quelli sui quali si posano, ma ne traggono solo quanto serve alla lavorazione del miele, e tralasciano il resto. E noi, se siamo saggi, prenderemo da quegli scritti quanto si adatta a noi, ed è conforme alla verità, e lasceremo andare il resto» (San Basilio Magno, 370 – 375 Disc. ai giovani 4).

© Riproduzione riservata

Ti Potrebbe Interessare

L’incontro, organizzato dalla presidente Ketty De Luca, patrocinato da Camera di commercio e Confindustria Vibo ha visto alternarsi imprenditori e docenti universitari
L’operazione portata a termine dai carabinieri del Ros ha colpito in particolare il “locale di Ariola”
Sotto tiro sono finiti esponenti delle cosche operanti nel territorio delle Preserre e nei comuni di Acquaro, Gerocarne, Soriano e Dasà

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Vibo Valentia n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019. Direttore Responsabile: Nicola Lopreiato
Noi di Calabria S.r.L. | P.Iva 03674010792