Vibo, controlli e servizi straordinari interforze: il Questore mette a punto un nuovo piano

La decisione al termine della riunione di un Comitato per l'ordine e la sicurezza tenutasi in Prefettura

Nell’ultimo mese sono stati eseguiti nel comune di Vibo Valentia mirati servizi straordinari interforze di vigilanza e di ordine pubblico allo scopo di innalzare la cornice di sicurezza e di contrastare le varie forme di illegalità nelle aree più sensibili del territorio.
I predetti servizi interforze, di cui si è discusso in sede di apposito Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica, sono stati disposti dal Questore Rodolfo Ruperti, dopo un apposito tavolo tecnico che si è svolto in Questura e hanno visto la partecipazione di equipaggi della Polizia di Stato, unitamente a personale della Squadra Mobile e della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Polizia Locale, con l’ausilio anche del Reparto Prevenzione Crimine Calabria Centrale di Vibo Valentia, della Polizia Stradale e delle unità Cinofili della Polizia di Stato.
Nel corso dei servizi, che si sono concentrati nelle aree più sensibili del centro cittadino ove nel fine settimana si radunano numerosi giovanissimi provenienti da tutta la provincia, sono state vigilate piazze e vie circostanti, alternati alla realizzazione di numerosi posti di controllo in città e nelle strade di accesso al capoluogo con lo scopo di infrenare l’abuso di sostanze alcoliche, la somministrazione delle stesse ai minori, spaccio e consumo di sostanze stupefacenti, atteggiamenti spesso reiterati di vandalismo, violenza, bullismo e ogni altra forma diffusa di illegalità. E ciò al fine di poter assicurare la dovuta tutela ai frequentatori delle vie e piazze della zona della “movida”, ai clienti dei locali, ai residenti ed ai titolari delle diverse attività commerciali.
Nell’ambito di tali controlli, svolti nel mese di maggio, principalmente nelle serate del venerdì e sabato, sono stati indentificate 1.535 persone, controllati 585 veicoli. L’attività posta in essere ha portato anche a contestazioni per violazioni al codice della strada, con ritiro di documenti di circolazione, nonché ad alcune contestazioni amministrative per consumo di sostanze stupefacenti ed al sequestro di un tirapugni e coltelli.
L’attività di prevenzione, inoltre, ha consentito di monitorare i locali pubblici più frequentati sul territorio attraverso accertamenti di Polizia amministrativa, contestando diverse sanzioni amministrative, di cui una nei confronti di un bar del centro per aver somministrato bevande alcoliche a soggetti minori.
Non di meno, le risultanze dei controlli straordinari hanno consentito l’emissione di alcuni provvedimenti amministrativi concernenti misure di prevenzione, tra i quali avvisi orali e fogli di via obbligatori, nonché di avviare altri procedimenti amministrativi per la successiva emissione di divieto di accesso alle aree urbane nei confronti di soggetti nei cui confronti sono emersi sintomi di pericolosità sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica.
Infine, la presenza massiccia di Forze di Polizia sul territorio ha consentito di individuare gli autori di due episodi di aggressione avvenute nel centro cittadino.

© Riproduzione riservata

Ti Potrebbe Interessare

L’incontro, organizzato dalla presidente Ketty De Luca, patrocinato da Camera di commercio e Confindustria Vibo ha visto alternarsi imprenditori e docenti universitari
L’operazione portata a termine dai carabinieri del Ros ha colpito in particolare il “locale di Ariola”
Sotto tiro sono finiti esponenti delle cosche operanti nel territorio delle Preserre e nei comuni di Acquaro, Gerocarne, Soriano e Dasà

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Vibo Valentia n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019. Direttore Responsabile: Nicola Lopreiato
Noi di Calabria S.r.L. | P.Iva 03674010792