Affari con le cosche, narcotrafficante latitante in Colombia arrestato su richiesta della Procura di Reggio Calabria

Il provvedimento cautelare è stato eseguito dall'Interpol. L'uomo, che è stato scovato a Bogotà, ora dovrà essere estradato in Italia

Il narcotrafficante e latitante colombiano Alfonso Cortes Grueso è stato arrestato il 23 gennaio scorso – ma la notizia si è appresa soltanto ora – su richiesta della Procura di Reggio Calabria ai fini di estradizione con l’accusa di traffico internazionale e detenzione di sostanze stupefacenti.

Grueso avrebbe trafficato droga – cocaina in particolare – con le cosche calabresi fatta arrivare in porti italiani come Genova, Gioia Tauro e Trieste a partire dal 2007. Arrestato già in passato, Grueso era riuscito a far perdere le proprie tracce ed era dunque stato processato in Italia e condannato in contumacia.

Grueso avrebbe trafficato droga – cocaina in particolare – con le cosche calabresi fatta arrivare in porti italiani come Genova, Gioia Tauro e Trieste a partire dal 2007. Arrestato già in passato, Grueso era riuscito a far perdere le proprie tracce ed era dunque stato processato in Italia e condannato in contumacia.

 Il narcotrafficante, arrestato attraverso l’Interpol, si trova ora in carcere a Bogotà, in attesa di estradizione in Italia. Secondo l’avvocato  Alexandro Maria Tirelli, direttore dell’Alta scuola estradizioni delle Camere penali internazionali, che difende Alfonso Cortes Grueso, <il processo celebrato in Italia non è convincente: è stato celebrato senza che il mio assistito ne avesse conoscenza. Chiederemo l’annullamento della sentenza di condanna. E se riusciremo, la liberazione celere del mio cliente>.

© Riproduzione riservata

Ti Potrebbe Interessare

Dopo l’abbattimento del ristorante la Nave e dell’ordine di smantellamento dei tabelloni pubblicitari saranno rase al suolo strutture in cemento armato
Domenica 26 maggio sarà possibile vivere una divertente esperienza di sport all’aperto
E sull’affidamento di incarichi ai figli aveva aggiunto: facevano parte di una cooperativa selezionato dalla Regione. Accuse pesanti al Comune sul canone: altri enti non pagano nulla

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Vibo Valentia n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019. Direttore Responsabile: Nicola Lopreiato
Noi di Calabria S.r.L. | P.Iva 03674010792