Calcio e violenza, tredici i poliziotti feriti nel post derby tra Cosenza e Catanzaro

Al centro delle indagini i video girati con i telefonini da alcuni privati e quelli ripresi dalle telecamere del centro commerciale di Quattromiglia

E’ di tredici poliziotti contusi il bilancio degli incidenti verificatisi domenica sera al termine del derby di serie B tra Cosenza e Catanzaro. Alcuni tifosi del Catanzaro sono stati identificati dalle forze dell’ordine.

Secondo la ricostruzione fatta dalla Questura, dopo alcuni leggeri tafferugli senza conseguenze che si sono verificati nelle vicinanze dello stadio, i pullman dei tifosi giallorossi sono stati instradati verso l’autostrada. Gli incidenti si sono verificati nei pressi del centro commerciale di Rende, a poco distanza dallo svincolo autostradale. Lungo la strada, secondo la Questura, un gruppo di supporter catanzaresi, da due pulmini, hanno lanciato sassi contro le auto della polizia. Quindi si sono fermati nel parcheggio del centro commerciale lanciando fumogeni verso la struttura e cercando di entrare. Ed è qui che ci sono stati gli scontri col la polizia. Diversa la versione fornita da tifosi catanzaresi che parlano di un agguato dei tifosi avversari e sostengono che i pulmini si sono fermati dopo che un gruppo di tifosi del Cosenza li aveva colpiti con sassi e bastoni. Versione che, al momento, non viene confermata dalla Questura.
 In queste ore, comunque, gli investigatori stanno visionando i video del sistema di sorveglianza del centro commerciale ed altri girati da privati cittadini e che circolano sui social. Da questi video potrebbe venire una ricostruzione definitiva della vicenda.
 I video ripresi dal sistema di sorveglianza del centro commerciale e numerosi video girati da privati che circolano sui social sono al centro degli accertamenti che stanno compiendo gli investigatori della Questura di Cosenza per giungere alla ricostruzione di quanto avvenuto ieri sera al termine del derby di serie B Cosenza-Catanzaro. La Polizia sta anche cercando di individuare chi ha partecipato agli scontri avvenuti nel parcheggio del centro commerciale di Rende.

Secondo la ricostruzione fatta dalla Questura, dopo alcuni leggeri tafferugli senza conseguenze che si sono verificati nelle vicinanze dello stadio, i pullman dei tifosi giallorossi sono stati instradati verso l’autostrada. Gli incidenti si sono verificati nei pressi del centro commerciale di Rende, a poco distanza dallo svincolo autostradale. Lungo la strada, secondo la Questura, un gruppo di supporter catanzaresi, da due pulmini, hanno lanciato sassi contro le auto della polizia. Quindi si sono fermati nel parcheggio del centro commerciale lanciando fumogeni verso la struttura e cercando di entrare. Ed è qui che ci sono stati gli scontri col la polizia. Diversa la versione fornita da tifosi catanzaresi che parlano di un agguato dei tifosi avversari e sostengono che i pulmini si sono fermati dopo che un gruppo di tifosi del Cosenza li aveva colpiti con sassi e bastoni. Versione che, al momento, non viene confermata dalla Questura.
 In queste ore, comunque, gli investigatori stanno visionando i video del sistema di sorveglianza del centro commerciale ed altri girati da privati cittadini e che circolano sui social. Da questi video potrebbe venire una ricostruzione definitiva della vicenda.
 I video ripresi dal sistema di sorveglianza del centro commerciale e numerosi video girati da privati che circolano sui social sono al centro degli accertamenti che stanno compiendo gli investigatori della Questura di Cosenza per giungere alla ricostruzione di quanto avvenuto ieri sera al termine del derby di serie B Cosenza-Catanzaro. La Polizia sta anche cercando di individuare chi ha partecipato agli scontri avvenuti nel parcheggio del centro commerciale di Rende.

   In uno dei video all’esame degli investigatori, si vede un gruppetto di cinque, sei persone incappucciate che dal lato dell’ingresso del centro commerciale lanciano delle torce all’indirizzo del parcheggio dove sono fermi i pullman che trasportavano i tifosi del Catanzaro. Al lancio, i supporter giallorossi reagiscono rilanciando le torce verso il punto di partenza e si vede un gruppo che inizia a correre verso l’ingresso. In un altro si vede un gruppo di individui incappucciati e con in mano dei bastoni che percorrono una strada posta alle spalle della struttura.
   Dall’esame di questi video, gli investigatori sperano di ricostruire con esattezza quanto accaduto e le responsabilità individuali.

© Riproduzione riservata

Ti Potrebbe Interessare

Gli amministratori puntano a spingere la politica a modificare l’attuale normativa
Obiettivo la costituzione di un Comitato composto da docenti e rappresentanti di tutto il territorio. Martedì incontro all’Alberghiero
Domani la consegna del cantiere. Lo spostamento, secondo l’assessore Corrado, è avvenuto in pieno accordo con gli ambulanti

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Vibo Valentia n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019. Direttore Responsabile: Nicola Lopreiato
Noi di Calabria S.r.L. | P.Iva 03674010792