Evasione fiscale per 14 milioni, arrestato a Rimini un 66enne originario di Crotone

L'uomo in precedenza già condannato per bancarotta fraudolenta e lesioni personali aveva precedenti anche per emissione di fatture false

Un uomo di 66 anni originario di Crotone, ma residente a Rimini, è stato arrestato con l’accusa di una evasione fiscale da 14 milioni. I finanzieri del Comando Provinciale di Rimini hanno eseguito un’ordinanza dalla Sezione Impugnazioni Cautelari Penali del Tribunale di Bologna – confermata dalla Corte di Cassazione – di arresti domiciliari nei confronti del pensionato indagato per le ipotesi di reato di trasferimento fraudolento di valori e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte.

L’uomo, già condannato per bancarotta fraudolenta e lesioni personali, gravato da carichi pendenti per emissione e utilizzo di fatture false, trasferimento fraudolento e possesso ingiustificato di valori, gravato da un debito tributario di oltre 14 milioni e già sottoposto ad una misura di prevenzione personale e patrimoniale aveva intestato ad un prestanome le quote di una società riminese, operante nel settore delle costruzioni di edifici residenziali che, nel 2021 e 2022 si era prevalentemente dedicata a ristrutturazioni usufruendo anche del “bonus 110% e bonus facciate”.

L’uomo, già condannato per bancarotta fraudolenta e lesioni personali, gravato da carichi pendenti per emissione e utilizzo di fatture false, trasferimento fraudolento e possesso ingiustificato di valori, gravato da un debito tributario di oltre 14 milioni e già sottoposto ad una misura di prevenzione personale e patrimoniale aveva intestato ad un prestanome le quote di una società riminese, operante nel settore delle costruzioni di edifici residenziali che, nel 2021 e 2022 si era prevalentemente dedicata a ristrutturazioni usufruendo anche del “bonus 110% e bonus facciate”.

© Riproduzione riservata

Ti Potrebbe Interessare

Avrà sede nei locali della guardia medica di Brattirò di Drapia. La struttura è stata inaugurata oggi alla presenza di autorità politiche e responsabili dell’Asp
Il sindaco Vincenzo Pellegrino: non abbiamo ancora certezze sulla natura dell’incendio, ma gli indizi ci fanno pensare che si tratti di un atto doloso
Il sindacato mette in primo piano la piattaforma rivendicativa e chiede un’adeguata rete ospedaliera e investimenti sul personale: assunzioni e formazione

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Vibo Valentia n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019. Direttore Responsabile: Nicola Lopreiato
Noi di Calabria S.r.L. | P.Iva 03674010792