Frodi nell’olio d’oliva, Coldiretti lancia l’allarme: un attentato alla salute e all’economia calabrese

Obiettivo dell'associazione di categoria è difendere la produzione nazionale e quella calabrese in particolare dove esiste olio extravergine oltre a decine di produzioni a km zero legate ai territori con una ricchezza di profumi e sapori

C’è stato un calo della produzione a livello mondiale dell’olio di oliva e questo ha fatto sì che i prezzi siano balzati di circa il 34%. Un fenomeno allarmante che preoccupa e non poco Coldiretti che a proposito frodi mette in guardia tutto il comparto: <Sono sempre in agguato e quindi è  importante intervenire per sventarle, difendere la produzione nazionale e ovviamente regionale, come secondi produttori e  garantire la sicurezza alimentare dei cittadini. E’ positiva su questo fronte  l’attività nel settore oleario condotta dai Nas, d’intesa con il Ministero della Salute, con ispezioni di frantoi, aziende ed esercizi produttivi e commerciali che hanno portato già al sequestro sul territorio nazionale di 46mila litri di olio>.

Un’ azione importante – sottolinea Coldiretti – dopo un anno segnato dal clima impazzito con eventi estremi che hanno messo a dura prova gli uliveti con la produzione dell’olio extravergine Made in Italy stimata a livello nazionale in circa 290mila tonnellate, in Calabria circa 35mila tonnellate  al di sotto della media dell’ultimo quadriennio.

Un’ azione importante – sottolinea Coldiretti – dopo un anno segnato dal clima impazzito con eventi estremi che hanno messo a dura prova gli uliveti con la produzione dell’olio extravergine Made in Italy stimata a livello nazionale in circa 290mila tonnellate, in Calabria circa 35mila tonnellate  al di sotto della media dell’ultimo quadriennio.

Le frodi a tavola – precisa ancora Coldiretti – sono un crimine particolarmente odioso perché mettono a rischio la salute delle persone, si fondano sull’inganno e colpiscono soprattutto quanti dispongono di una ridotta capacità di spesa e sono costretti a rivolgersi ad alimenti a basso costo. Da difendere in Calabria c’è – continua l’associazione di categoria – un patrimonio di biodiversità importante con oltre 100 varietà di olive coltivate dal “Pollino allo Stretto”  per un totale di 25 milioni di piante, che insistono sul 24% della superficie agricola utilizzata, oltre 160mila ettari  di cui 13mila dichiarati Igp>.

Un patrimonio dal quale  si produce  olio extravergine (3 Dop e 1 Igp)  oltre a decine di produzioni a km zero legate ai territori con una ricchezza di profumi e sapori che compete autorevolmente sul mercato. Per promuovere il consumo di olio italiano, che è di alta qualità e fa bene alla salute e all’ambiente, Coldiretti e Unaprol hanno previsto con le risorse del Pnrr accordi di filiera per avere un milione di nuove piante di olivo in più lungo la Penisola, incrementare la produzione e ridurre la dipendenza dall’estero in una situazione in cui sono straniere 3 bottiglie su 4 consumate in Italia. 

Ma l’impegno è anche rivolto alla formazione, per aiutare gli italiani a riconoscere e distinguere il vero extravergine di qualità e non cadere nelle trappole del mercato. A tale scopo è attiva Evooschool, la Scuola nazionale dell’olio extravergine d’oliva con sede a Roma.

© Riproduzione riservata

Ti Potrebbe Interessare

Dopo l’abbattimento del ristorante la Nave e dell’ordine di smantellamento dei tabelloni pubblicitari saranno rase al suolo strutture in cemento armato
Domenica 26 maggio sarà possibile vivere una divertente esperienza di sport all’aperto
E sull’affidamento di incarichi ai figli aveva aggiunto: facevano parte di una cooperativa selezionato dalla Regione. Accuse pesanti al Comune sul canone: altri enti non pagano nulla

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Vibo Valentia n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019. Direttore Responsabile: Nicola Lopreiato
Noi di Calabria S.r.L. | P.Iva 03674010792