Minacce al procuratore Gratteri, misura cautelare nei confronti del presunto autore

Le indagini, coordinate dalla Procura di Salerno, sono state svolte dalla Squadra Mobile che è arrivata all'identificazione di una persona all'epoca dei fatti detenuta per altro e che ora deve rispondere di minaccia a pubblico ufficiale, con l'aggravante della mafiosità

Il 24 gennaio 2023  in Procura a Catanzaro arriva una lettera anonima, riportante gravi minacce contro l’allora procuratore capo Nicola Gratteri, il sostituto Debora Rizza e indirizzate in modo meno diretto ad altri magistrati in servizio nel distretto.  Il contenuto della missiva parla di una struttura mafiosa, dotata di armi da guerra per compiere attentati nei loro confronti e c’è il preciso avvertimento che sarebbero stati uccisi se non fosse stata ridimensionata l’accusa di appartenere ad un’associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga o se lo stato di detenzione cautelare cui l’autore della lettera era sottoposto si fosse protratto oltre la fine dell’anno.

 Minacce a cui sottostare, secondo l’ideatore della lettera, che si dichiara orgoglioso di appartenere alla ‘ndrangheta, per non pagarne il prezzo con la vita. La Procura di Salerno, competente a giudicare magistrati del distretto di Catanzaro apre un fascicolo di inchiesta, mentre la Squadra Mobile della Questura di Catanzaro, delegata alle indagini va a caccia dell’autore della missiva, che indica anche il modo in cui sarebbero stati ammazzati i due magistrati, con un bazooka, minacciando il fratello di Gratteri, scrivendo che era note le sue abitudini di vita, il luogo dove vive, i percorsi compiuti con l’auto di servizio.

 Minacce a cui sottostare, secondo l’ideatore della lettera, che si dichiara orgoglioso di appartenere alla ‘ndrangheta, per non pagarne il prezzo con la vita. La Procura di Salerno, competente a giudicare magistrati del distretto di Catanzaro apre un fascicolo di inchiesta, mentre la Squadra Mobile della Questura di Catanzaro, delegata alle indagini va a caccia dell’autore della missiva, che indica anche il modo in cui sarebbero stati ammazzati i due magistrati, con un bazooka, minacciando il fratello di Gratteri, scrivendo che era note le sue abitudini di vita, il luogo dove vive, i percorsi compiuti con l’auto di servizio.

 Indagini che portano la Mobile a dare un nome e un volto all’autore dello scritto minatorio. Si tratta, secondo quanto accertato, di Santo Gregorio Mirarchi, 33 anni, di Soverato, indagato per violenza o minaccia a pubblico ufficiale, con l’aggravante della mafiosità, destinatario di una misura cautelare in carcere disposta dal gip campano Marilena Albarano. 

© Riproduzione riservata

Ti Potrebbe Interessare

Le indagini della Guardia di Finanza hanno evidenziato una gestione contabile e amministrativa piuttosto allegra
Acquistate 8 motrici DE 18, prodotte da Vossloh Rolling Stock. Saranno utilizzate da Rfi nello Stretto di Messina e per operazioni di manutenzione in linea
Scattato l’allarme i militari sono arrivati sul posto, nel comune di Cessaniti, immediatamente e dopo aver sfondato la porta d’ingresso dell’abitazione hanno immobilizzato l’uomo

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Vibo Valentia n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019. Direttore Responsabile: Nicola Lopreiato
Noi di Calabria S.r.L. | P.Iva 03674010792