La donna scomparsa a Reggio torna a casa dopo 24 ore. Al vaglio la versione del marito

Indagini a tutto campo quelle della Procura di Reggio Calabria che indaga su Tiziana Iaria, attualmente ricoverata in ospedale

Assume i contorni di un vero e proprio giallo la scomparsa temporanea di Tiziana Iaria, la donna di 53 anni, che si è allontanata da casa per circa 24 ore. Per fortuna stamane è tornata a casa sotto shock e tumefazioni in diverse parti del corpo. Tiziana è stata immediatamente accompagnata in ospedale dove attualmente è ricoverata e si teme che la stessa abbia subito percosse. Sul caso le indagini vengono condotte dalla Polizia di Stato e sono coordinate dal Procura di Reggio Calabria.

Le tracce della donna si erano perse ieri mattina anche se ancora non è chiaro se questo sia avvenuto appena uscita dalla propria abitazione oppure abbia lasciato l’ufficio per recarsi da qualche parte per poi fare ritorno solo stamane. Ieri sera il marito Joe Puntillo aveva ipotizzato un rapimento. Un elemento sul quale stanno indagando gli inquirenti. Stamane sarebbe stata sentita anche qualche collega di lavoro di Tiziana Iaria (un centro antiviolenza che si occupa di dare sostegno ai tossicodipendenti).

Le tracce della donna si erano perse ieri mattina anche se ancora non è chiaro se questo sia avvenuto appena uscita dalla propria abitazione oppure abbia lasciato l’ufficio per recarsi da qualche parte per poi fare ritorno solo stamane. Ieri sera il marito Joe Puntillo aveva ipotizzato un rapimento. Un elemento sul quale stanno indagando gli inquirenti. Stamane sarebbe stata sentita anche qualche collega di lavoro di Tiziana Iaria (un centro antiviolenza che si occupa di dare sostegno ai tossicodipendenti).

© Riproduzione riservata

Ti Potrebbe Interessare

Avrà sede nei locali della guardia medica di Brattirò di Drapia. La struttura è stata inaugurata oggi alla presenza di autorità politiche e responsabili dell’Asp
Il sindaco Vincenzo Pellegrino: non abbiamo ancora certezze sulla natura dell’incendio, ma gli indizi ci fanno pensare che si tratti di un atto doloso
Il sindacato mette in primo piano la piattaforma rivendicativa e chiede un’adeguata rete ospedaliera e investimenti sul personale: assunzioni e formazione

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Vibo Valentia n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019. Direttore Responsabile: Nicola Lopreiato
Noi di Calabria S.r.L. | P.Iva 03674010792