Occhiuto alla Bit di Milano: proviamo a cambiare il racconto del turismo in Calabria

Il governatore illustra le nuove strategie per rilanciare l'intero comparto: puntiamo soprattutto a fare arrivare i turismi perché solo così potranno ammirare le bellezze della nostra terra

Una vetrina come la Bit è un’opportunità da non perdere. Ma raccontare una realtà immaginaria non sempre ottiene gli effetti sperati. Come interpretare le parole del presidente Occhiuto che parla di turismo, di mare incontaminato e di montagna? C’è solo da sperare che la rotta possa essere invertita. Fino ad oggi non è stato così.  Fatta questa semplice premessa, spetta ad altri toccare con mano, ecco le parole del presidente della Regione alla Bit di Milano.

<Quello che stiamo cercando di fare è cambiare il racconto del turismo calabrese. Tutte le indagini, i sondaggi, ci dicono che la Calabria viene percepita come una Regione dove il turismo è prevalentemente il turismo del mare. E noi dobbiamo assecondare questo modo di percepire la Calabria da parte dei turisti, potenziando parallelamente anche ciò che possiamo offrire e promuovere nella montagna. Immagino che la nostra strategia di sviluppo del turismo, e di racconto del turismo, sia incentrata in attività che facciano venire i turisti perché vogliono fruire del mare bellissimo della Calabria. 

<Quello che stiamo cercando di fare è cambiare il racconto del turismo calabrese. Tutte le indagini, i sondaggi, ci dicono che la Calabria viene percepita come una Regione dove il turismo è prevalentemente il turismo del mare. E noi dobbiamo assecondare questo modo di percepire la Calabria da parte dei turisti, potenziando parallelamente anche ciò che possiamo offrire e promuovere nella montagna. Immagino che la nostra strategia di sviluppo del turismo, e di racconto del turismo, sia incentrata in attività che facciano venire i turisti perché vogliono fruire del mare bellissimo della Calabria. 

Ma una volta che i turisti arrivano in Calabria, io immagino anche che questi debbano essere stupiti da una Calabria che offre altro oltre il mare, perché la Calabria ha una storia immersa nel mare, ha la Magna Graecia immersa nel mare, come Crotone e a Sibari. La Calabria ha una cultura straordinaria ed è una delle Regioni più montuose d’Italia che ha 470mila ettari di foreste e, quindi, è un territorio che ha anche la possibilità di offrire ai turisti la montagna con i sui straordinari parchi>. 

<A me piacerebbe – aggiunge Occhiuto – che quando un turista viene in Calabria e va in una località di mare, in un albergo sul mare, possa trovare in quell’albergo anche il dépliant di quello che il turista potrebbe fare in Calabria d’inverno nelle sue montagne e tra i suoi bellissimi borghi. Io ce la metto tutta, la mia squadra ce la mette tutta, quelli che sono qui a questa fiera ce la mettono tutta perché vogliamo far decollare il turismo calabrese. Il mio auspicio, il mio augurio è che questo nostro lavoro serva sì a produrre risultati, ma possa servire anche a liberare dalla mente dei pessimisti, parlo di tanti calabresi che sono ancora pessimisti, l’idea che questa Regione non si possa sviluppare>. 

© Riproduzione riservata

Ti Potrebbe Interessare

Marcella Murabito illustra i suoi piani e mette sullo stesso piano centrodestra e centrosinistra
La biblioteca mobile acquistata con fondi pubblici ora si trova in stato di assoluto abbandono nelle campagne di Ionadi
Le indagini della Guardia di Finanza hanno evidenziato una gestione contabile e amministrativa piuttosto allegra

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Vibo Valentia n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019. Direttore Responsabile: Nicola Lopreiato
Noi di Calabria S.r.L. | P.Iva 03674010792