Picchiato e rapinato, scattano quattro arresti a Petilia Policastro

I provvedimenti eseguiti dai carabinieri che sono riusciti a smascherare i presunti responsabili dell'aggressione del 23 febbraio scorso

I carabinieri della Compagnia di Petilia Policastro hanno arrestato quattro persone – uno dei quali è finito in carcere e gli altri tre ai domiciliari – con l’accusa di rapina, lesioni, porto di oggetti atti ad offendere e minacce. I provvedimenti sono stati disposti dal Gip del Tribunale di Crotone su richiesta della Procura.

 L’indagine che ha portato all’emissione delle misure cautelari è scattata nella notte del 23 febbraio scorso in seguito alla segnalazione di una rapina ai danni di un cittadino algerino domiciliato a Petilia Policastro. Dalla ricostruzione dei militari che hanno operato in stretta sinergia con la Procura di Crotone, è emerso che i destinatari della misura quella notte, dopo aver sfondato la porta dell’abitazione della vittima e averla minacciata e picchiata con spranghe, coltelli, calci e pugni, l’hanno derubata di circa seicento euro in contanti. Nel corso dell’aggressione la vittima è riuscita a divincolarsi e a darsi alla fuga ma è stata raggiunta e ulteriormente picchiata e, prima di essere lasciata riversa a terra, derubata anche del suo smartphone.
Allertati da alcuni passanti che hanno notato l’accaduto, i militari sono giunti sul posto quasi nel’immediatezza e hanno trovato uno dei quattro arrestati che, malgrado la presenza dei carabinieri, continuava a proferire minacce di morte nei confronti del cittadino algerino. Sono stati così raccolti i primi elementi utili e analizzate sia le descrizioni degli aggressori fornite dalla vittima e dai testimoni che le immagini riprese dai sistemi di videosorveglianza pubblici e privati della zona. Individuati i possibili autori, i militari li hanno rintracciati nei pressi delle loro abitazioni e dei luoghi abitualmente frequentati. Uno di loro non è stato trovato in casa ma si è costituito successivamente in caserma.
   

 L’indagine che ha portato all’emissione delle misure cautelari è scattata nella notte del 23 febbraio scorso in seguito alla segnalazione di una rapina ai danni di un cittadino algerino domiciliato a Petilia Policastro. Dalla ricostruzione dei militari che hanno operato in stretta sinergia con la Procura di Crotone, è emerso che i destinatari della misura quella notte, dopo aver sfondato la porta dell’abitazione della vittima e averla minacciata e picchiata con spranghe, coltelli, calci e pugni, l’hanno derubata di circa seicento euro in contanti. Nel corso dell’aggressione la vittima è riuscita a divincolarsi e a darsi alla fuga ma è stata raggiunta e ulteriormente picchiata e, prima di essere lasciata riversa a terra, derubata anche del suo smartphone.
Allertati da alcuni passanti che hanno notato l’accaduto, i militari sono giunti sul posto quasi nel’immediatezza e hanno trovato uno dei quattro arrestati che, malgrado la presenza dei carabinieri, continuava a proferire minacce di morte nei confronti del cittadino algerino. Sono stati così raccolti i primi elementi utili e analizzate sia le descrizioni degli aggressori fornite dalla vittima e dai testimoni che le immagini riprese dai sistemi di videosorveglianza pubblici e privati della zona. Individuati i possibili autori, i militari li hanno rintracciati nei pressi delle loro abitazioni e dei luoghi abitualmente frequentati. Uno di loro non è stato trovato in casa ma si è costituito successivamente in caserma.
   

© Riproduzione riservata

Ti Potrebbe Interessare

Interrogatorio di garanzia oggi per i principali indagati nell’inchiesta sulla gestione del Polo culturale
I candidati a sindaco aderiscono e sono pronti a nominare anche un assessore alla partecipazione alla co-governance
In programma un nuovo binario di collegamento diretto tra le linee Metaponto-Reggio Calabria e Cosenza-Sibari

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Vibo Valentia n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019. Direttore Responsabile: Nicola Lopreiato
Noi di Calabria S.r.L. | P.Iva 03674010792