Sanitari imboscati: le Asp di Cosenza, Catanzaro e Vibo non rispondono alle richieste di Tavernise

Obiettivo dell'esponente del Movimento Cinque Stelle è provare a mettere ordine nel caos della sanità calabrese: sono pronto a rivolgermi al Difensore civico

Davide Tavernise non molla. Il consigliere regionale del Movimento Cinque Stelle invia una nuova richiesta alle Asp di Cosenza, Catanzaro e Vibo affinché provvedano a comunicare i dati sul personale. Il sospetto che ci possano essere medici o infermieri imboscati negli uffici è sempre attuale. A tal proposito Tavernise ricorda che il 22 ottobre 2022 ha inviato la prima richiesta di accesso agli atti alle Aziende Sanitarie Provinciali calabresi per entrare in possesso dei dati relativi ai così detti “medici imboscati”. Un mese dopo, il 5 dicembre 2022, decorso e superato il termine di trenta giorni senza ricevere risposta, ho inviato via Pec richiesta di riesame al Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza. In ordine sparso e non sempre nei tempi previsti, sono iniziate ad arrivare le risposte dalle Asp in modo puntuale e preciso. È il caso dell’Azienda di Crotone e poi di Reggio Calabria.

Dal resto del territorio calabrese, invece, le risposta rimandavano a problematiche di varia natura nella raccolta dei dati richiesti, per la mole di personale impiegato presso quelle Aziende Provinciali, come nel caso di Cosenza. <Oggi, a distanza di un anno e mezzo dalla prima richiesta di accesso agli atti, ho inoltrato nuova istanza alle Asp di Cosenza, Vibo e Catanzaro, precisando che in caso di ennesima mancanza di risposta – evidenza Tavernise – sarà presentata richiesta di riesame al Difensore civico regionale, individuato dal legislatore come competente al recepimento dei ricorsi in materia di accesso documentale ai sensi della Legge 241/90 e non ancora nominato ai tempi del primo accesso agli atti>.

Dal resto del territorio calabrese, invece, le risposta rimandavano a problematiche di varia natura nella raccolta dei dati richiesti, per la mole di personale impiegato presso quelle Aziende Provinciali, come nel caso di Cosenza. <Oggi, a distanza di un anno e mezzo dalla prima richiesta di accesso agli atti, ho inoltrato nuova istanza alle Asp di Cosenza, Vibo e Catanzaro, precisando che in caso di ennesima mancanza di risposta – evidenza Tavernise – sarà presentata richiesta di riesame al Difensore civico regionale, individuato dal legislatore come competente al recepimento dei ricorsi in materia di accesso documentale ai sensi della Legge 241/90 e non ancora nominato ai tempi del primo accesso agli atti>.

Il consigliere regionale aggiunge inoltre: <A distanza di un anno e mezzo ho raccolto dati importanti di un fenomeno che, oramai è una certezza, è ignoto tanto alle Aziende sanitarie quanto all’Ufficio del Commissario ad acta della Sanità. Eppure questo fenomeno lo possiamo considerare un problema che va a minare alla base la struttura organizzativa delle nostre aziende sanitarie, poiché coinvolge medici, operatori socio sanitari, infermieri, tecnici di laboratorio, che svolgono ruoli diversi, per lo più amministrativi, rispetto a quello per i quali sono stati assunti. È quindi corretto chiedersi come è possibile amministrare correttamente un’azienda se non si conoscono i numeri precisi degli impiegati che ci lavorano?>. 

Solo all’Asp di Reggio, secondo quanto emerge, ci sono 343 unità coinvolte: 79 medici, 4 dirigenti, 208 tra personale infermieristico, tecnico sanitario, 31 operatori tra operatori socio sanitari, ausilio, operatori tecnici, assistenti sociali e 10 amministrativi. <Numeri che sommati agli altri in mio possesso – aggiunge Tavernise – fanno arrivare il conteggio a 913 dipendenti del servizio sanitario calabrese considerati inidonei a lavorare in corsia e pertanto destinati altrove, anche negli uffici. A questi dati mancano per l’appunto quelli relativi alle Asp di Cosenza, Catanzaro e Vibo Valentia, che potrebbero farci superare le duemila unità in tutta la regione>.

<Mi prece precisare altresì che questa ricognizione non vuole essere una caccia alle streghe, bensì un tentativo di mettere ordine nel caos della sanità pubblica calabrese. A tal fine ho anche proposto una legge anti imboscati, che prevede innanzitutto una ricognizione completa del personale sanitario cosiddetto “imboscato”. Allo scopo di garantire trasparenza, si propone di affidare la valutazione della inidoneità all’Inps, o a un soggetto terzo, e non al medico competente della stessa azienda. Inoltre, le inidoneità certificate dovrebbero portare ad una rivalutazione della pianta organica, ovverosia conteggiare nel personale amministrativo il sanitario che non svolge più la mansione di sanitario a causa della sua inidoneità così da poter provvedere alla sua sostituzione. Stabiliva, infine, il divieto di spostamento a mansioni diverse da quelle di assunzione prima dei dieci anni di servizio. Purtroppo ad oggi – conclude l’esponente del M5S – la mia legge non risulta ancora calendarizzata in commissione>.

© Riproduzione riservata

Ti Potrebbe Interessare

Gli amministratori puntano a spingere la politica a modificare l’attuale normativa
Obiettivo la costituzione di un Comitato composto da docenti e rappresentanti di tutto il territorio. Martedì incontro all’Alberghiero
Domani la consegna del cantiere. Lo spostamento, secondo l’assessore Corrado, è avvenuto in pieno accordo con gli ambulanti

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Vibo Valentia n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019. Direttore Responsabile: Nicola Lopreiato
Noi di Calabria S.r.L. | P.Iva 03674010792