Smaltimento rifiuti industriali, sequestrata un’autofficina a Delianuova

L'attività commerciale sversava residui chimici e scarti di prodotti nell'ambiente danneggiando il patrimonio naturale aspromontano

Nelle ultime settimane i Carabinieri della compagnia di Palmi hanno effettuato una serie di controlli alle attività commerciali finalizzati al contrasto dei reati in materia ambientale.

A Delianuova il titolare di un’autofficina di circa 100 metri quadrati è stato denunciato all’autorità giudiziaria per gestione non autorizzata di rifiuti. L’intera officina è stata sottoposta a sequestro. Totalmente assente ogni sorta di documentazione attestante il corretto smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi o della loro conseguente tracciabilità, che, come stabilito dal Codice dell’Ambiente, deve essere rigorosissima. Ignota, ad oggi, la destinazione dei residui chimici e degli scarti prodotti dalla sopracitata attività commerciale, verosimilmente smaltiti in modo illecito in danno del patrimonio naturale aspromontano.

A Delianuova il titolare di un’autofficina di circa 100 metri quadrati è stato denunciato all’autorità giudiziaria per gestione non autorizzata di rifiuti. L’intera officina è stata sottoposta a sequestro. Totalmente assente ogni sorta di documentazione attestante il corretto smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi o della loro conseguente tracciabilità, che, come stabilito dal Codice dell’Ambiente, deve essere rigorosissima. Ignota, ad oggi, la destinazione dei residui chimici e degli scarti prodotti dalla sopracitata attività commerciale, verosimilmente smaltiti in modo illecito in danno del patrimonio naturale aspromontano.

Lamiere, ferro parti di carrozzeria ma anche materiali più pericolosi come l’olio usato, residui di carburante, batterie al piombo e liquidi refrigeranti potrebbero essere stati abbandonati nel corso degli anni nell’area naturalistica circostante con grave danno per l’intero ecosistema locale, in particolar modo per il mondo animale e per le stesse persone, vista la presenza di importanti terreni coltivati e di rinomate società agricole. Tutti i rifiuti speciali, data la loro pericolosità, devono essere trasportati da specifiche società presso centri autorizzati alla loro distruzione e messa in sicurezza in modo da non contaminare l’ambiente o produrre elementi nocivi. Di ciascun movimento dovrebbe essere lasciata traccia in modo puntuale e preciso.

I controlli dei carabinieri, sempre in prima linea nella protezione dell’ambiente e del paesaggio naturalistico, continueranno serrati con l’avvicinarsi della stagione estiva, periodo in cui, a causa della maggiore affluenza di turisti, la natura è maggiormente minacciata e più vulnerabile.

© Riproduzione riservata

Ti Potrebbe Interessare

Dopo l’abbattimento del ristorante la Nave e dell’ordine di smantellamento dei tabelloni pubblicitari saranno rase al suolo strutture in cemento armato
Domenica 26 maggio sarà possibile vivere una divertente esperienza di sport all’aperto
E sull’affidamento di incarichi ai figli aveva aggiunto: facevano parte di una cooperativa selezionato dalla Regione. Accuse pesanti al Comune sul canone: altri enti non pagano nulla

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Vibo Valentia n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019. Direttore Responsabile: Nicola Lopreiato
Noi di Calabria S.r.L. | P.Iva 03674010792