Taurianova Capitale del Libro, dopo Vibo un’altra città calabrese punta l’ambito traguardo

La candidatura della cittadina della Piana di Gioia Tauro tra le candidate al prestigioso riconoscimento è stata decisa dalla Commissione incaricata dal ministero della Cultura

C’è anche Taurianova, unica città calabrese, tra le cinque finaliste che concorrono all’assegnazione del titolo di Capitale italiana del Libro 2024. Dopo il prestigioso riconoscimento che il Ministero della Cultura ha assegnato a Vibo Valentia un’altra cittadina calabrese aspira all’ambito riconoscimento. La scelta di Taurianova tra le candidate è stata decisa dalla Commissione incaricata dal ministero della Cultura che, dopo aver fatto una prima valutazione delle candidature presentate e in attesa di sentire in video conferenza gli amministratori delle proposte concorrenti, ha inserito la cittadina nella rosa di cui fanno parte anche Grottaferrata, San Mauro Pascoli, Tito e Trapani.


 <La notizia è stata accolta con grande entusiasmo – è scritto in una nota del Comune di Taurianova – dalla giunta guidata dal sindaco Roy Biasi, già al lavoro per alzare il livello di coinvolgimento, pure in questa fase, della città e di tutte le istituzioni comunali, per mettere Taurianova nelle condizioni di bissare il successo ottenuto da Vibo Valentia, che è stata Capitale nel 2021, e di prendere il testimone che lascerà Genova insignita nel 2023>. Secondo il cronoprogramma che si è dato la Commissione ministeriale guidata dallo scrittore Pierfranco Bruni, e composta anche da Incoronata Boccia, Gerardo Casale, Antonella Ferrara e Sara Guelmi, i rappresentanti delle 5 finaliste verranno auditi il prossimo 31 gennaio in vista del responso finale atteso nel mese di febbraio.


 <La notizia è stata accolta con grande entusiasmo – è scritto in una nota del Comune di Taurianova – dalla giunta guidata dal sindaco Roy Biasi, già al lavoro per alzare il livello di coinvolgimento, pure in questa fase, della città e di tutte le istituzioni comunali, per mettere Taurianova nelle condizioni di bissare il successo ottenuto da Vibo Valentia, che è stata Capitale nel 2021, e di prendere il testimone che lascerà Genova insignita nel 2023>. Secondo il cronoprogramma che si è dato la Commissione ministeriale guidata dallo scrittore Pierfranco Bruni, e composta anche da Incoronata Boccia, Gerardo Casale, Antonella Ferrara e Sara Guelmi, i rappresentanti delle 5 finaliste verranno auditi il prossimo 31 gennaio in vista del responso finale atteso nel mese di febbraio.

Roy Biasi

<Si tratta di un risultato storico – afferma il sindaco Biasi – che ci consente, già per il fatto di essere tra le cinque città finaliste, di dire che il lavoro paga e che i fatti ci danno ragione in quello sforzo quotidiano per rendere sempre più attrattiva dal punto di vista sociale, economico e culturale la città>.<Abbiamo agito ispirati dalla necessità che avvertiamo di proporre l’immagine vera di Taurianova e della Calabria, lontana dagli stereotipi del passato, dimostrando che possiamo metterci alle spalle il disfattismo ed essere modello per la speranza delle giovani generazioni>. E’ ricco il novero degli eventi-incubatori, la cui realizzazione  ha convinto la Commissione a credere nelle ulteriori potenzialità della pianificazione messa in atto dal Comune di questo centro che ha poco meno di 15 mila abitanti.

© Riproduzione riservata

Ti Potrebbe Interessare

Marcella Murabito illustra i suoi piani e mette sullo stesso piano centrodestra e centrosinistra
La biblioteca mobile acquistata con fondi pubblici ora si trova in stato di assoluto abbandono nelle campagne di Ionadi
Le indagini della Guardia di Finanza hanno evidenziato una gestione contabile e amministrativa piuttosto allegra

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Vibo Valentia n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019. Direttore Responsabile: Nicola Lopreiato
Noi di Calabria S.r.L. | P.Iva 03674010792