Una rete scolastica per costruire il dialogo e la pace. La proposta parte dall’Ipseoa Gagliardi

Obiettivo la costituzione di un Comitato composto da docenti e rappresentanti di tutto il territorio. Martedì incontro all'Alberghiero

Martedì 28, con inizio alle ore 17, all’Ipseoa “E. Gagliardi” verrà presentato il progetto “Res Pax”, per dare vita ad un Comitato provinciale per costituzione di una Rete scolastica e sociale per promuovere l’educazione alla pace a tutti i livelli, con la speranza che si costruisca una visione diversa per il futuro delle nuove generazioni tesa all’incontro e al dialogo all’interno delle comunità e tra i popoli.
Se vuoi la pace prepara la pace : è questo il terreno che il progetto Res Pax vuole coltivare per ritradurre la locuzione latina, Si vis pacem, para bellum, (se vuoi la pace prepara la guerra). Con questo spirito l’Ipseoa “E. Gagliardi” ha promosso l’iniziativa affinché si contrasti con la forza delle idee, dell’impegno, degli strumenti culturali, il clima che sembra imperare nei governi europei e mondiali: che tutto si deve risolvere attraverso le armi e le guerre; come, a suo tempo, aveva denunciato Erasmo da Rotterdam con Querela Pacis (1517).
In realtà l’atteggiamento bellicoso ha prodotto e produce il massacro di creature innocenti e profitti colossali delle industrie belliche. A questo si aggiunge che la maggior parte dei mezzi di informazione non fanno altro che alimentare lo scontro e convincere l’opinione pubblica che è giusto fare guerre e produrre armi, come sta accadendo, promuovendo una economia di guerra, far fare affari d’oro ai signori della guerra e impoverire gli onesti lavoratori.
L’incontro si svolgerà martedì 28 maggio, alle ore 17, (Aula Magna), nell’ambito della proposta progettuale Res Pax (referente Nicola Romboà), al fine di costituire un Comitato provinciale per dare vita ad una Rete scolastica e sociale che sia composto da docenti di tutte le scuole e di rappresentanti delle reti sociali sparsi sul territorio o singoli cittadini. L’obiettivo è creare percorsi educativi con lezioni, seminari, incontri in sintonia con i fondamentali principi presenti nella Costituzione.
La proposta progettuale ha l’obiettivo prioritario di gettare le basi pedagogiche e culturali di generare un dibattito sia nella Scuola che nelle Reti Sociali con la principale finalità di elaborare e comunicare il linguaggio della pace.
Diverse le associazioni che intanto hanno aderito all’iniziativa tra cui Libera Vibo, Italia Nostra (sezione di Vibo Valentia), l’associazione “Antropos” (presieduta da Ottavio Scrugli che, nell’anno sociale 2022-23, ha organizzato una serie di seminari dal titolo “La Calabria e la promozione della pace”) e anche “Intersezioni culturali” di cui è presidente il poeta Michele Petullà.
La scuola e in particolare i docenti, devono assumersi la responsabilità di tracciare una visione diversa per il futuro delle nuove generazioni in linea anche con il dettato costituzionale: per cambiare l’uso di un linguaggio spesso mistificato, molto spesso aggressivo e anche violento che cerca di polarizzare le posizioni estreme per spingere i popoli all’odio e a perdere il lume della ragione con una ben studiata strategia propagandistica narcotizzante, fatta di slogan e messaggi retorici e demagogici.

© Riproduzione riservata

Ti Potrebbe Interessare

L’incontro, organizzato dalla presidente Ketty De Luca, patrocinato da Camera di commercio e Confindustria Vibo ha visto alternarsi imprenditori e docenti universitari
L’operazione portata a termine dai carabinieri del Ros ha colpito in particolare il “locale di Ariola”
Sotto tiro sono finiti esponenti delle cosche operanti nel territorio delle Preserre e nei comuni di Acquaro, Gerocarne, Soriano e Dasà

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Vibo Valentia n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019. Direttore Responsabile: Nicola Lopreiato
Noi di Calabria S.r.L. | P.Iva 03674010792