Omicidio dell’avvocato Pagliuso, confermata la condanna all’ergastolo per Marco Gallo

Il noto penalista ucciso nel giardino della sua abitazione nella tarda serata del 9 agosto 2016. Secondo l'accusa per ordine del clan Scalise

La Corte d’Assise d’Appello di Catanzaro ha confermato la condanna dell’ergastolo nei confronti di Marco Gallo, accusato di essere l’autore dell’omicidio dell’avvocato Francesco Pagliuso, ucciso in un agguato la sera del 9 agosto del 2016 a Lamezia Terme, nel giardino della sua abitazione, dopo avere appena parcheggiato la propria automobile.
La Corte, inoltre, in accoglimento della richiesta del sostituto procuratore generale Luigi Maffia, ha riconosciuto l’aggravante mafiosa del delitto che era stata esclusa in primo grado dalla Corte d’assise di Catanzaro.
L’avvocato Pagliuso è stato ucciso – sostiene l’accusa – per ordine della cosca Scalise di Decollatura della quale Marco Gallo sarebbe intraneo.
Lo scorso 19 ottobre, inoltre, il Tribunale di Lamezia Terme ha condannato Marco Gallo a 15 anni di reclusione per associazione mafiosa, in quanto appartenente alla cosca Scalise.
Secondo il pg Maffia, Pagliuso è stato visto come un nemico dalla cosca Scalise nel momento in cui ha preso la difesa del gruppo rivale dei Mezzatesta e ha ottenuto nei loro confronti notevoli successi processuali.

In quel momento, ha detto il pg, l’avvocato “è stato visto come un nemico” e l’attività di avvocato che ha esercitato “ne ha determinato la condanna a morte”. (ansa)

In quel momento, ha detto il pg, l’avvocato “è stato visto come un nemico” e l’attività di avvocato che ha esercitato “ne ha determinato la condanna a morte”. (ansa)

© Riproduzione riservata

Ti Potrebbe Interessare

Molto spesso si fanno avanti spacciandosi per tecnici del gas, operatori dell’enel, delle poste o o agenti delle Agenzia delle entrate
Il rogo in località Torre Vecchia di Palmi. Sul posto alcune squadre dei vigili del fuoco e canadair della Protezione civile
Nessuna iniziativa di Governo, Regioni e associazioni per ricordare l’evento che devastò le regioni meridionali e fece migliaia di morti

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Vibo Valentia n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019. Direttore Responsabile: Nicola Lopreiato
Noi di Calabria S.r.L. | P.Iva 03674010792